548DAB Magie di Omnia: Rifiuti

lunedì 10 agosto 2009

Rifiuti

La Via Libris è più spesso piena di buche, massi caduti, strapiombi e interruzioni per lavori in corso. Trovi colonnine d'emergenza, anche chioschetti con madonnine varie per pregare, a volte venditori ambulanti di entusiasmo che ti rifocillano. Spesso però le interruzioni ti piombano addosso, sono vere e proprie slavine, che ti seppelliscono e servono a farti desistere. Ma tu scavi, arranchi e riemergi, e ti lasci quella tomba alle spalle. Vai avanti e insisiti, pronto a risorgere anche dalla prossima slavina che ti piomberà in testa. Queste slavine, sulla Via Libris, altro non sono che le lettere di rifiuto.

Non voglio aprire una parentesi sulle lettere di rifiuto, è inutile e sono fin troppo dibattute in molti blog e forum. Probabilmente gli editor hanno motivo di mandarne e gli esordienti di riceverne. E qui mi fermo. Anche se vorrei dire qualcosa sulle lettere di rifiuto standard, ma mi fermo.

In questo post pubblico alcune delle lettere di rifiuto che io personalmente ho ricevuto, ho preso le più rappresentative. Alcune non le ho neanche conservate, altri rifiuti sono arrivati telefonicamente o via mail, altri ancora non sono neanche mai arrivati. Ma è così, arrivano, sappiatelo, vi buttano giù, sappiate anche questo, ma dovete sapere questo: di rifiuti ne potete ricevere anche 1000 o 20000 ma basta un , uno solo, quindi non smettete mai di sperarci, perchè alla fine arriva e vi farà guardare con tenerezza ai rifiuti, magari spingervi anche a pubblicarli su un blog.

Cominciamo con un rifiuto celebre:


Rifiuto standard. "Non appartiene alla nostra linea editoriale", fa chic e non impegna.



Altro rifiuto celebre. Divertente. Secondo me loro l'hanno letto davvero.



Beh... per San Paolo Edizioni io ero un eretico.



Anche loro l'hanno letto, secondo me.



Medaglia d'onore a Moby Dick che è manoscritta, non sono tanti che lo fanno.



Un capitolo a parte meritano le case editrici a pagamento. Capitolo che non aprirò, visto che se ne parla abbondantemente ovunque. Mio consiglio personale? Non pubblicate a pagamento, lo dico per la vostra autostima.




Etichette:

11 Commenti:

Alle 11 agosto 2009 02:51 , Anonymous Mirco ha detto...

almeno a te rispondono! A me neanche le lettere di rifiuto mandano! Se non me le mandano io glielo rispedisco!
Se non sbaglio non hai mandato il manoscritto intero o sbaglio? Non vorrei che fosse questa la discriminante.

 
Alle 11 agosto 2009 06:19 , Blogger Daniel ha detto...

Mi sembra assurdo che preferiscano ancora le pile di carta a una semplice e-mail con allegato. Sono tutte così le case editrici?

 
Alle 11 agosto 2009 07:15 , Blogger cicobyo ha detto...

@ Mirko ho mandato entrambi, una che non risponde è Salani... Curioso visto che ha costruito la sua fortuna proprio su un rifiuto letterario celebre (harry potter non fu gradito a un editor Mindadori - credo che ora il poverino scarichi cassette di frutta i mercati generali- ) cmq mi dissero che selezionavano tramite sinossi ed estratti, ma non ebbi risposta, così scoprii l'editor incaricato e indirizzai l'intero manoscritto a lui (lei) ma non ebbi cmq risposta. In molti cmq rispondono, nonostante non faccia che sentire editor ed editori famosi che si sperticano in buoni propositi sul cercare "l'esordiente dal talento nascosto" la mia impressione resta sempre che gli i manoscritti vengano cestinati, alimentando lo spreco di risorse derivanti dalla deforesrazione dell'Amazzonia. E così rispondo anche a Daniel... La mail? Dico sì se vuoi risparmiare. Ed è anche il mezzo più sicuro per essere letti: tu scrivi, in poche righe ti presenti e parli del tuo progetto e chiedi se sono interessati, come e a chi inviare. Niente allegati. Se sono interessati, invii e speri che piaccia. Una volta ho letto in un forum che un esordiente per pubblicare deve scrivere un capolavoro che lascia a bocca aperta. Forse è così ma in questo caso mi chiedo come certi libri di esordienti da latte abbiano lasciato a bocca aperta celebri editor...

 
Alle 18 agosto 2009 15:35 , Blogger LucaCP ha detto...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

 
Alle 18 agosto 2009 15:36 , Blogger LucaCP ha detto...

Guarda, io ho avuto la fortuna di ricevere un solo rifiuto, anche perché - nella mia ingenuità - inviai il manoscritto solo a due case editrici. La Fazi mi rispose che la storia non "rientrava nella loro bla bla" ma c'era un'aggiunta a penna che diceva più o meno così (vado a memoria perché ho lasciato la lettere a casa): periodare agile e fluido, siamo interessati a ricevere da parte Sua altri lavori a carattere più adulto.
Alla Piemme invece piacque. Solita storia del "momento giusto, tempo giusto". E' quello che continuo a ripetermi almeno ^^'

 
Alle 21 agosto 2009 02:03 , Blogger Laura Pozzi ha detto...

Vi invidio, io non ho il coraggio di mandare qualcosa di mio ad una casa editrice... Forse non mi sento abbastanza sicura di ciò che scrivo! Chissà quante pile di roba ricevono, ogni giorno, le case editrici!!!
Non sapevo che esistesse una casa editrice (la Moby Dick) così vicina a dove abito!!!

 
Alle 22 agosto 2009 22:39 , Blogger cicobyo ha detto...

Luca è come hai detto, aggiungo "libro giusto, momento giusto" ;-)

 
Alle 22 agosto 2009 22:41 , Blogger cicobyo ha detto...

Ah Laura... dimenticavo, non è una questione di coraggio, è che non hai scelta... se vuoi fare la scrittrice prima o poi dovrai entrare nel rutilante mondo dell'editoria:-)))

 
Alle 1 settembre 2009 02:08 , Blogger Laura Pozzi ha detto...

Ho seguito il tuo consiglio e ci ho provato. Attendo risposta... :)

 
Alle 4 febbraio 2010 15:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

 
Alle 7 marzo 2010 20:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

I read this forum since 2 weeks and now i have decided to register to share with you my ideas. [url=http://inglourious-seo.com]:)[/url]

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page