548DAB Magie di Omnia: Intervista a Rebecca

martedì 14 luglio 2009

Intervista a Rebecca

Visto che l'ultimo post era un po' troppo fantasioso, mi spiego meglio con questo. Di seguito trovate l'intervista che a suo tempo ho fatto a uno dei personaggi della vecchia versione del romanzo: Rebecca. Lei era a capo del terzetto delle studiose, molto razionale, posata, matura e ragionevole. Qui accanto è come la immaginavo, qui sotto come l'ho conosciuta meglio. Buon divertimento!



Ciao Rebecca.
Salve. Come va? (Rebecca tende la mano)

Bene Grazie. Tu?
Bene.

Perfetto. Cominciamo l’intervista. Noto che sei molto educata…
L’educazione è simbolo di rispetto.

Sono d’accordo. Parlami di te
Non mi piace parlare di me. Preferisco ascoltare e pensare a cosa dire e come rispondere.

Cosa vorresti fare da grande?
La giornalista. Sicuramente. Mi piace leggere le notizie e commentarle. E poi mi incuriosisce la storia, i fatti che succedono nel mondo. Mi piacerebbe raccontare la verità.

Perché non la fantasia?
Perché la verità è la verità. Nessuno può contestarla o negarla.
Qualcuno ha detto che la verità è tale finchè qualcuno non la smentisce
Finchè non la smentiscono è la verità. Poi ci sono verità e verità. La verità dei fatti non si può smentire. Se io dico che è caduta una valanga, nessuno può dire che non è vero se l’ho visto e documentato.


Penso che saresti un’ottima giornalista
Lo credo anche io.

Parliamo di Maya. Ti fidi di lei? Dopotutto faceva parte della Tribù…
Non credo che si possano giudicare le persone per quello che hanno fatto se dimostrano che sono cambiate. Poi Maya non faceva marachelle, tutt’al più le copriva. Ma lei mi ha detto che non si trovava bene. Era solo per amicizia verso Cassandra e con Sabrina non si prendevano tanto.

E Lola?
La conosco dall’asilo. E’ sempre stata così come la vedi ora. Divertente, giocherellona. Imita tutti. Fa ridere. Tranne quando imita me o mia madre.

Come ti è venuta l’idea della Tribuna?
Le confido un segreto. In matematica sono una schiappa. Mi seccava fare i compiti da sola di matematica perché i problemi non mi tornavano mai. Allora passavo tutti i pomeriggi al telefono con Maya per farmi aiutare. Poi lei mi chiamava per Italiano e Storia. Così ho deciso di fare un gruppo di studio. Per lo meno risparmiavamo di telefono.

E la Tribuna di Attualità?
È venuta dopo. Perché quando finivamo i compiti rimanevamo a parlare fino al Tg e spesso Lola e Maya rimanevano con noi a mangiare e commentavamo le notizie del tg con mamma e papà. Allora ho deciso di fare un appuntamento settimanale. Ma poi la cosa è degenerata… e Lola fa sempre pettegolezzo.

Insomma ti piace l’idea di dirigere un dibattito.
Molto.

Che rispondi quando ti chiamano “Secchiona”?
(Rebecca si fa seria e storce la bocca) Niente. Non dico niente e non me la prendo. Solo non capisco perché una cosa positiva come l’impegno e lo studio debbano diventare dispregiativi.

Ottima risposta.
Posso farLe una domanda io?

Certo.
Gli intervistatori come Lei si preparano le domande o vanno a braccio? Cioè seguono una scaletta o vanno dove li porta il discorso?

Un po’ tutte e due le cose. Uno si prepara delle domande, ma se poi trova degli spunti interessanti cerca di approfondire. Soddisfatta?
Sì. L’intervista è finita?

Vuoi aggiungere qualcosa?
Sì, tolga le parti in cui mi vanto, sennò sembra che sono vanitosa e invece quella è Lola. (Ride).


Beh... quantomeno è divertente. Da provare!

Etichette: ,

2 Commenti:

Alle 16 luglio 2009 08:56 , Anonymous Sam ha detto...

Interessante. Non ci sono incoerenze. Hai fatto risaltare il personaggio per davvero. Geniale.

 
Alle 16 luglio 2009 15:27 , Blogger cicobyo ha detto...

Ciao Sam e benvenuta! Ho visto che hai fatto un ampio giro qui sul blog e hai apprezzato alcune follie. Sono contento e onorato. Rebecca è un personaggio che non avrà vita nel romanzo a settembre ma a suo tempo lo costruii per bene. È un consiglio ;)

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page