548DAB Magie di Omnia: La Ragazza Drago di Licia Troisi

mercoledì 23 aprile 2008

La Ragazza Drago di Licia Troisi

Ecco una novità che poi tanto novità non è. Giunge fino a Omnia la mitica Recensione. Non temete, non sarà un appuntamento fisso, anzi, non sarà proprio un appuntamento perchè io ODIO recensire qualcosa. Mi fa sentire come se mi ergessi a giudice, potere al quale non ho diritto; ho trovato la filosofia del critico da seguire nel magnifico monologo contenuto in Ratatouille che potete trovare qui. Per cui considero questa mia recensione un encomio al talento di Licia.

La Ragazza Drago di Licia Troisi

Non credevo...



Potrei intitolare così questa recensione. Non credevo che un autore italiano, di un genere così – ma sempre meno – di nicchia potesse catturarmi in questo modo. Davvero non credevo. Adesso, dopo aver vissuto i primi passi verso la grandiosa avventura della piccola Sofia del “La Ragazza Drago” di Licia Troisi, credo.

Adesso credo.

Il solo sapere che sugli scaffali della libreria era spuntato un romanzo così appassionante e io l’avessi ignorato mi infastidisce. Quando si entra in una libreria si è come immersi nel lago di Albano, attirati dal tantissimi frutti dell’Albero del Mondo. Si tocca quello, si sbircia questo, si assapora l’altro. Ma i frutti più deliziosi a volte si celano alle nostre papille di lettori e i loro travestimenti sono molteplici, tanti quanti le sfaccettature di questa nostra editoria. Una grande storia può celarsi dietro un nome sconosciuto di un editore sconosciuto che ha creduto nel nuovo, può nascondersi dietro un titolo ambiguo che rivela la dualità di una scrittura, o dietro una copertina poco ortodossa. Infine, una grande storia si può nascondere dietro un nome noto, esponente di spicco di un genere di grido che pubblica con un grande editore. Da questo nome noto noi non crediamo di poter ricevere emozioni più grandi di quelle che ci ha già dato. Lasciamo che siano gli altri a dirci se ne vale la pena, abbiamo paura, lo stesso mostro che si abbatte sulla giovane protagonista del romanzo.

È il caso di Licia Troisi. La sua “Ragazza Drago” è pura novità. Potrebbe essere il suo romanzo d’esordio, rivela qualità di narratrice elevate e universali, mostra una sensibilità verso i sentimenti tipici dell’infanzia che arriva al di là di ogni età. Sofia è lontana più di trentamila anni da Nihal e Dubhe, l’orfanotrofio romano e poi in seguito la villa di Albano dove vivrà le sue avventure sono lontane distanze astrofisiche dal Mondo Emerso. Lontane sullo spazio-tempo, ma vicine nell’anima nelle emozioni vere, che scorrono lente e veloci, dalla paura alla felicità, dalla rabbia al desiderio di riscatto.

La storia è deliziosamente retrò, c’è un po’ di “Annie” nell’atmosfera, ma i colori intensi dal sapore ancestrale del fantasy più puro sfiorano tutto il romanzo, ne muovono le fila ma non lo ricoprono, si infilano nelle venature dei personaggi, sono l’Occhio della Mente, sono l’eredità di Thuban e di Dubhe ma non dominano sulla storia, quello è compito dei personaggi. Sofia, il professor Shlafen, Lidija sono figure che Assoggettano alla storia col loro magnetismo.

Da tempo cercavo un romanzo che non mi permettesse di scollarmi dalle pagine per più di qualche ora, che mi riportasse a quando, ancora adolescente, la lettura era lo scopo di intere giornate. L’ho trovata, e il misto di nostalgia per la fine e le speranze in una storia che continua sono emozioni genuine e deliziosamente retrò. Ci si impiegano anni a diventare adulti, ma basta un secondo per tornare bambini. Basta aprire “La Ragazza Drago” di Licia Troisi.


Etichette:

3 Commenti:

Alle 2 maggio 2008 00:26 , Anonymous Anonimo ha detto...

WOW che commento...onestamente sono una lettrice accanita di tutto ciò che ha scritto la troisi...e appena saputo di questo nuovo romanzo sono corsa in libreria per comprarlo...poi l'ho visto...e diciamocelo...l'aspetto non è rassicurante...sembra il libro delle favole che leggevo a 6 anni...e per carità...non disdegno tornare bambina tra le pagine di un libro, anzi....ma pagare 17 euro per due parole e un disegno ogni pagina non mi attirava granchè...
Tutto questo per dire...che dopo aver letto il tuo commento...forse forse...ho deciso di andarlo a comprare...^__^

 
Alle 25 maggio 2008 08:59 , Blogger Fabio Cicolani aka cicobyo ha detto...

Allora ho fatto una buona azione! ;-)))

 
Alle 11 giugno 2008 22:52 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ma Fabio, a me non sembra poi del tutto "nuovo" questo romanzo della Troisi e non si può nemmeno dire che sia difficile trovarlo, in libreria. Non hai mai pensato ad Harry Potter, mentre lo leggevi? Suvvia...
Un saluto
Nicola

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page